MILANO, 9 Marzo 2018

La Direzione Generale dell’Agenzia delle Entrate con il Provvedimento numero  53616, ha allargato la platea dei soggetti che possono gestire l’invio della  Successione On Line,  da cui il nostro settore era rimasto escluso benché già intermediari per l’inoltro di altri adempimenti presso questo ufficio oltre che storicamente presente nell’ambito della pratica telematica.

Un ringraziamento al Direttore dell’Agenzia Dr. Ruffini che ha compreso l’utilità della nostra collaborazione paritetica a quella di tutto il mondo professionale che con l’ufficio ha rapporti quotidiani. Tra l’altro siamo titolari di “protocollo collaborativo” e il fatto di essere rimasti fuori non solo ha creato problemi operativi e lavorativi al nostro settore, ma faceva diventare assurdo lo stesso atto che pochi anni or sono abbiamo sottoscritto nell’ambito dell’ambizioso programma che l’Agenzia ha avviato di semplificazione al quale collaboriamo da sempre.

Rientriamo in questo servizio, avendolo sempre gestito allo sportello, ancorché nei limiti che ci competono e spesso in collaborazione con altri professionisti, non contro, se mai qualcuno volesse interpretare la nostra come una invasione di campo. Dopo decenni passati a ragionare sulle differenze ma nel quotidiano a collaborare, in questa occasione siamo contenti che l’ufficio abbia superato ogni dubbio.

Questo provvedimento è molto importante per tutto il settore e non esclusivamente per i nostri associati come giusto che sia. Ratifica il riconoscimento di un “ruolo” che consentirà al professionista “agenzia di pratiche amministrative” di poter trovare una più chiara collocazione nel mercato dei servizi professionali.

Tuttavia non possiamo non evidenziare, che questo riconoscimento, specificatamente alla nostra organizzazione,  consentirà ancora meglio di poter garantire al cliente la prestazione fornita dei nostri associati : siano essi  professionisti con i quali interagiamo in una dinamica di consolidata collaborazione interdisciplinare;

imprese alle quali dedichiamo grande attenzione;  

privati cittadini che devono essere parimenti tutelati.

Quelle prestazioni che da tempo qualifichiamo e garantiamo grazie alla Legge 4/2013 alla quale tutti i nostri associati si sottopongono volontariamente.

Una fatica ulteriore che si aggiunge alle tante ma che in questa occasione è stata riconosciuta.

 

PROVVEDIMENTO53616

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>